0

Preghiera di Condivisione della Pasqua 2016 giovedì 24 marzo con cena comunitaria

 

Pubblicato il  28  mar   2016  su Eventi & Noi preghiamo così

Preghiera di Condivisione della Pasqua 2016 giovedì 24 marzo 2016 con cena comunitaria

“La Resurrezione: Dio fa germogliare i semi nel deserto”

 

Preghiera iniziale

Caro Signore, mia luce …

Nella mia mente tanti pensieri

Confusi e irreali

E allora pensi di non farcela …

Allora senti la vocina del cuore

Che mi dice: “Non essere triste,

il Signore ti è vicino, vincerai sempre

perché io ti aiuterò”.

Un grande sole appare all’orizzonte

Non temerò tempeste

Il Signore sarà il timone della mia vita!

Teresa

 

Salmo 23 Canto di fiducia

1Salmo di Davide

Il Signore è il mio pastore e nulla mi manca.                                                                                                                                                                     2 Su prati d’erba fresca mi fa riposare; mi conduce ad acque tranquille,                                                                                                                   3 mi ridona vigore; mi guida sul giusto sentiero:                                                                                                                                                   4Anche se andassi per la valle più buia,                                                                                                                                                                             di nulla avrei paura, perché tu resti al mio fianco,                                                                                                                                                            il tu bastone mi dà sicurezza.

5Per me tu prepari un banchetto sotto gli occhi dei miei nemici.                                                                                                                             Con olio mi profumi il capo, mi riempi il calice fino all’orlo.                                                                                                                                        6La tua bontà e il tuo amore mi seguiranno per tutta la mia vita;                                                                                                                          starò nella casa del Signore per tutti i miei giorni.

 Esodo 15, 22-27 Gli Israeliti nel deserto

22Sotto la guida di Mosè gli Israeliti partirono dalle rive del mar Rosso e si inoltrarono nel deserto di Sur. Camminarono tre giorni nel deserto senza trovare acqua. 23Arrivarono in un luogo detto Mara, ma l’acqua era così amara che non potevano berla. Per questo quel luogo si chiamava Mara (Amarezza). 24Allora il popolo protestò contro Mosè: ‘Che cosa berremo?’. 25Mosè chiese aiuto al Signore, e il Signore gli indicò un pezzo di legno. Mosè gettò quel legno nell’acqua, ed essa divenne dolce. In quel luogo il Signore stabilì per il popolo leggi e usanze. In quel luogo lo mise alla prova. 26Disse: ‘Tu devi ascoltare la voce del Signore tuo Dio e fare quel che per lui è giusto. Devi fare attenzione ai suoi ordini e osservare tutte le sue leggi. Se farai così, non ti castigherò con nessuna delle piaghe con cui ho punito gli Egiziani, perché io sono il Signore, colui che ti guarisce!’. 27Poi gli Israeliti arrivarono a Elim, dove ci sono dodici sorgenti d’acqua e settanta palme. Si accamparono là, presso l’acqua.

Luca 24,15-35 Gesù risorto appare ai discepoli di Emmaus

13Quello stesso giorno due discepoli stavano andando verso Emmaus, un villaggio lontano circa undici chilometri da Gerusalemme. 14Lungo la via parlavano tra loro di quel che era accaduto in Gerusalemme in quei giorni. 15Mentre parlavano e discutevano, Gesù si avvicinò e si mise a camminare con loro. 16Essi però non lo riconobbero, perché i loro occhi erano come accecati. 17Gesù domandò loro: – Di che cosa state discutendo tra voi mentre camminate? Essi allora si fermarono, tristi. 18Uno di loro, un certo Clèopa, disse a Gesù: – Sei tu l’unico a Gerusalemme a non sapere quel che è successo in questi ultimi giorni? 19Gesù domandò: – Che cosa? Quelli risposero: – Il caso di Gesù, il Nazareno! Era un profeta potente davanti a Dio e agli uomini, sia per quel che faceva sia per quel che diceva. 20Ma i capi dei sacerdoti e il popolo l’hanno condannato a morte e l’hanno fatto crocifiggere. 21Noi speravamo che fosse lui a liberare il popolo d’Israele! Ma siamo già al terzo giorno da quando sono accaduti questi fatti. 22Una cosa però ci ha sconvolto: alcune donne del nostro gruppo sono andate di buon mattino al sepolcro di Gesù 23ma non hanno trovato il suo corpo. Allora sono tornate indietro e ci hanno detto di aver avuto una visione: alcuni angeli le hanno assicurate che Gesù è vivo. 24Poi sono andati al sepolcro altri del nostro gruppo e hanno trovato tutto come avevano detto le donne, ma lui, Gesù, non l’hanno visto. 25Allora Gesù disse: – Voi capite poco davvero; come siete lenti a credere quel che i profeti hanno scritto! 26Il Messia non doveva forse soffrire queste cose prima di entrare nella sua gloria? 27Quindi Gesù spiegò ai due discepoli i passi della Bibbia che lo riguardavano. Cominciò dai libri di Mosè fino agli scritti di tutti i profeti. 28Intanto arrivarono al villaggio dove erano diretti, e Gesù fece finta di continuare il viaggio. 29Ma quei due discepoli lo trattennero dicendo: ‘Resta con noi perché il sole ormai tramonta’. Perciò Gesù entrò nel villaggio per rimanere con loro. 30Poi si mise a tavola con loro, prese il pane e pronunziò la preghiera di benedizione; lo spezzò e cominciò a distribuirlo. 31In quel momento gli occhi dei due discepoli si aprirono e riconobbero Gesù, ma lui spari dalla loro vista. 32Si dissero l’un l’altro: ‘Non ci sentivamo come un fuoco nel cuore, quando egli lungo la via ci parlava e ci spiegava la Bibbia?’. 33Quindi si alzarono e ritornarono subito a Gerusalemme. Là, trovarono gli undici discepoli riuniti con i loro compagni. 34Questi dicevano: ‘Il Signore è veramente risorto ed è apparso a Simone’. 35A loro volta i due discepoli raccontarono quel che era loro accaduto lungo il cammino, e dicevano che lo avevano riconosciuto mentre spezzava il pane.

 

Corano :   La SURA prima, denominata “Quella che apre il Libro”  (Meccana, di 7 versetti)

  1. Nel nome di Dio, Clemente e Misericordioso!
  2. Lodiamo Allah, il Signore di tutte le creature,
  3. il Misericordioso, il Compassionevole,
  4. il solo che può giudicare.
  5. Te noi serviamo e Te noi invochiamo in aiuto.
  6. Guidaci nel giusto cammino,
  7. il cammino di coloro che Tu hai amato,

       8. contro i quali Tu non hai sentimenti di ira

       9. e sei pronto a raccoglierli dalla via del male fra le Tue braccia.

 

Le nostre riflessioni

Preghiera di Condivisione

Signore, sedute ad ascoltare , apriamo il nostro cuore

anche quando il peso delle difficoltà e del dolore

ci indurrebbero a scappare, a non voler vedere.

Noi siamo lì , come le donne al seguito di Gesù,

sedute di fronte al sepolcro ad aspettare, a sperare …

che il loro Signore Risorga.

Ma fino a quando non apriamo il nostro cuore,

guardiamo senza vedere

udiamo senza ascoltare.

E come i discepoli di Emmaus, solo alla fine capiamo:

“non ardeva forse il nostro cuore mentre egli ci parlava durante il cammino?”

Ecco, allora Tu Risorgi

e trasformi il deserto in un luogo di sorgenti

dove bere e ricominciare il cammino.

                                                           Ida

Segno di condivisione

Preghiere spontanee

 Preghiera Finale

Signore, spesso ci succede che teniamo chiuso dentro il nostro cuore

il dolore, le preoccupazioni.

Ricordaci, Signore, che attraverso il confronto con le sorelle ed i fratelli

troviamo aiuto ed alcune volte anche la soluzione ai nostri problemi.

Non farci mai mancare la speranza ,o Dio,soprattutto nei momenti bui,

aiutaci a credere che il futuro sarà migliore.

Aiutaci a non perdere mai di vista la ricchezza dell’ascolto.

Guidaci nel giusto cammino, Dio di Mosè,

il cammino incerto di coloro che Tu hai amato,

contro i quali Tu non hai sentimenti di ira

e sei pronto ad accogliere tra le tue braccia.

                                                       Irene

 

Buona Pasqua a tutti e a tutte e buon appetito!

Invia un commento

*