Cala Gonone, barista nero: “Niente birra da quello lì”

“Non vogliamo essere serviti da quello lì”. “Quello lì” è Mamadou Niang, cameriere 18enne di origine senegalese, che vive e lavora a Cala Gonone, località turistica sulla costa di Dorgali (Nuoro). L’ennesimo episodio di razzismo è stato raccontato dalla stessa vittima ai microfoni di Videolina e dal proprietario del bar che ha allontanato gli avventori, quattro ragazzi sardi. “Una birra, per favore. Ma non vogliamo che a servircela sia quel cameriere”, hanno detto i quattro. “Non volevo crederci”, racconta al Tg dell’emittente sarda Dionigio Mereu Fronteddu, il titolare. “Alla fine, però, visto l’atteggiamento, li ho invitati ad accomodarsi fuori dal locale. Qui non facciamo distinzione per il colore della pelle, ma solo tra buoni e cattivi”. “Razzismo? Ma no, è solo ignoranza. Sono persone che hanno un orizzonte limitato, non sono mai usciti dal paese”, commenta con un sorriso Mamadou Niang.

La sindaca di Dorgali: «Abbiamo sempre accolto gli stranieri»

«Il nostro non è decisamente un comune razzista. Abbiamo sempre accolto gli stranieri che arrivano qui per lavoro o per vacanza. Quello tenuto dai questi ragazzi non è un comportamento che ci appartiene». Così la sindaca di Dorgali, Maria Itria Fancello, il giorno dopo l’episodio razzista avvenuto in un locale di Cala Gonone.«Non erano mai accadute cose di questo genere – sottolinea ancora la prima cittadina – ci cono tanti nordafricani e stranieri che lavorano a Cala Gonone e non si erano mai registrati episodi di questo genere. Probabilmente chi ha detto di non voler essere servito da quel cameriere non abita nel nostro territorio – aggiunge – questo ci consola ma non ci fa piacere. Hanno avuto un comportamento stupido. Sicuramente nei prossimi giorni andrò a trovare il ragazzo senegalese per salutarlo e parlare con lui».

[da www.lanuovasardegna.it che ringraziamo]

Non c’è alcun commento da fare, questi fatti si commentano da soli. Bravo sig. Fronteddu, grazie sindaca di Dorgali, non dimenticheremo il vostro splendido esempio, lo imiteremo da subito! (Tonino Cau)