NEL RICORDO DELLE VITTIME DEL NAZISMO, FACCIAMO DEL 27 GENNAIO 2019, GIORNO DELLA MEMORIA, UNA GIORNATA DI IMPEGNO NONVIOLENTO CONTRO IL RAZZISMO E IL NAZISMO CHE TORNA

“E’ avvenuto, quindi può accadere di nuovo” – (Primo Levi)

Nel ricordo delle vittime del nazismo, facciamo del 27 gennaio, Giorno della Memoria, una giornata di impegno nonviolento contro il razzismo e il nazismo che torna.
In tutta Italia facciamo sentire la nostra voce:
– in difesa del diritto alla vita di tutti gli esseri umani;
– in difesa della legalità che salva le vite.
*
In tutta Italia manifestiamo per chiedere:
– che cessi il mostruoso crimine dell’omissione di soccorso dei naufraghi;
– che cessi il mostruoso crimine del respingimento nei lager libici dei superstiti sopravvissuti all’orrore;
– che cessi ll mostruoso crimine delle persecuzioni razziste in Italia;
– che l’Italia torni al rispetto della Costituzione della Repubblica Italiana e della Dichiarazione universale dei diritti umani.

E quindi manifestiamo per chiedere:
– che siano soccorse, accolte e assistite tutte le persone bisognose di aiuto;
– che sia riconosciuto a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese e nel nostro continente in modo legale e sicuro;
– che siano riconosciuti tutti i diritti umani a tutti gli esseri umani che si trovano in Italia, a cominciare dal diritto di voto;
– che siano immediatamente revocate tutte le abominevoli misure razziste imposte dal governo della disumanità;
– che si dimetta immediatamente il governo della disumanità;
– che siano processati e condannati per i crimini razzisti commessi i ministri del governo della disumanità.
*
Il razzismo e’ un crimine contro l’umanità.
L’Italia e’ una repubblica democratica, uno stato di diritto, un paese civile.
Salvare le vite e’ il primo dovere.

Il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo (www.peacelink.it)