Il Presidente della Repubblica Mattarella: LA SOLIDARIETA’ E’ L’IMPALCATURA DELLA CONVIVENZA

<<La solidarietà è l’impalcatura della convivenza e il nostro paese non resterebbe in piedi senza l’impalcatura della solidarietà. Aiutare gli altri, chi è in difficoltà fa vivere meglio se stessi e la comunità in cui si è inseriti, è la normalità. Ogni persona è irripetibile, ma tutte le risorse individuali confluiscono nella vita in comune, nella convivenza. E’ importante far capire che questa è la regola della vita, la normalità che deve essere sempre praticata da tutti>>.

Una splendida fede laica che coincide con l’ideale di Gesù: ama il prossimo tuo come te stesso e con tutte le tue forze. Tutte le dittature, invece, dicono: “ai nemici in fronte il sasso, agli amici tutto il cuor” (dall’inno della gioventù fascista “Giovinezza, giovinezza”). Oggi Salvini e la sua Lega mettono le premesse perché si arrivi a questo: avere un capro espiatorio, un nemico su cui riversare lo scontento e le preoccupazioni dei soldi e del lavoro che non ci sono: gli immigrati sono stranieri che ci rubano il lavoro, delinquono, diffondono la droga e la prostituzione, soprattutto i “negri”, in poche parole fomentano il disprezzo, l’odio, il “mandiamoli via”, non facciamo i buonisti, inquinano la nostra razza bianca (lo dicono i più scalmanati del partito Fratelli d’Italia stretti alleati della Lega), ecc. ecc.

Black and white human hands

Care amiche, cari amici, rimaniamo fedeli alla nostra Costituzione che predica la solidarietà come principio unificante del nostro popolo, e fedeli alla nostra fede nelle parole di Gesù: date e vi sarà dato cento volte di più. Non permettiamo che questo brutto clima ci passi sotto il naso senza reagire. Ma sempre e solo in modo non violento. Ne siamo capaci. Io sono molto fiducioso. (tonino cau)